Edicola

Agenzia Alfa n. 38 - Agenzia Alfa 38 cover
 
Speciale Dampyr n° 12 cover
 
Il segreto di Juliet - Morgan Lost 13 cover
 
Il viandante - Nathan Never 305 cover
 

Arretrati

L'ultima diligenza - Tutto Tex 546 cover
 
Raccolta Julia n°79
 
Killer Clown - Morgan Lost 12 cover
 
Ultimo scontro a Bannock - Tex Nuova Ristampa 409 cover
 

Chi è Magico Vento

Il mio nome è Magico Vento

Il mio nome è Magico Vento

Un bianco adottato dai Sioux e diventato sciamano grazie alla sua facoltà di intuire il futuro!

Oltre il fango, il sudore e la polvere da sparo, alla scoperta di un West segreto e oscuro, dove la vera Frontiera è quella tra il mondo conosciuto e il regno dell’ignoto. Magico Vento, creato e scritto da Gianfranco Manfredi, unisce la classica avventura western alle atmosfere cupe dell’horror, e schierandosi dalla parte degli indiani non ne rappresenta soltanto la dura lotta per la sopravvivenza, ma anche l’appassionante ricerca spirituale, tra riti, visioni, sogni di riscatto e incubi terribilmente reali. Ned Ellis per i bianchi è un ribelle, un rinnegato, un killer. Per i Sioux, che lo hanno accolto tra loro e ribattezzato Magico Vento, è un Uomo Strano, cioè uno sciamano, un guerriero e uno spirito inquieto, imprevedibile e fuori da ogni regola. Una scheggia di metallo conficcata nel suo cervello ha cancellato in lui ogni memoria del passato, ma, in compenso, gli ha donato una straordinaria capacità di intuire il futuro attraverso inquietanti visioni e premonizioni.

Ma quale oscura tragedia, quale dolore hanno fatto di Magico Vento l’uomo che è? Magico Vento è un ex soldato vittima di un complotto politico-militare. Scampato all’esplosione di un vagone blindato provocata ad arte da militari corrotti e trafficanti d’armi, viene raccolto tra la vita e la morte da Cavallo Zoppo, un anziano sciamano Lakota che, interpretando le indicazioni ricevute in una visione, vede in lui un inviato del Grande Spirito. Accolto tra gli indiani, Ned «nasce di nuovo».

Braccato da un angoscioso passato che gli si rivela soltanto per frammenti, e che a tratti minaccia di inghiottirlo, e in corsa verso un futuro spesso inquietante di cui cerca di fermare gli esiti più devastanti per gli indiani, Magico Vento vive un doppio ruolo di guerriero e di sciamano, in lotta contro uomini in carne e ossa e nemici spesso molto più pericolosi e letali: fantasmi vendicativi, spiriti malvagi, creature misteriose che non possono essere combattuti con armi tradizionali e che lo costringono a cercare sempre nuove risorse, tanto nei segreti poteri della magia indiana che in quelli custoditi nel profondo della mente umana. Le sue facoltà, però, non sono acquisite una volta per tutte, infatti si destano soltanto di fronte alle diverse situazioni che l’ex soldato è costretto ad affrontare e richiedono un difficile equilibrio tra corpo e spirito che non può essere mantenuto a lungo. Dalle sue esperienze Magico Vento esce spesso stremato e confuso. Lo salvano dal peso della solitudine il senso di appartenenza alla sua tribù adottiva e profondi sentimenti di amicizia e di comprensione per gli altri. Magico Vento non è un freddo giustiziere per il quale il fine giustifica i mezzi. Anche se spesso la violenza lo trascina e l’incalzare degli eventi lo costringe a decisioni estreme, rispetta i suoi avversari, e si sforza sempre di comprenderne le motivazioni, attratto com’è dal mistero dell’origine e della natura della malvagità umana.