Edicola

Agenzia Alfa n. 38 - Agenzia Alfa 38 cover
 
Speciale Dampyr n° 12 cover
 
Il segreto di Juliet - Morgan Lost 13 cover
 
Il viandante - Nathan Never 305 cover
 

Arretrati

Raccolta Julia n°79
 
L'ultima diligenza - Tutto Tex 546 cover
 
Ultimo scontro a Bannock - Tex Nuova Ristampa 409 cover
 
Killer Clown - Morgan Lost 12 cover
 

Autori

Il creatore di Julia

Breve biografia di Giancarlo Berardi

 

GIANCARLO BERARDI, nato a Genova il 15 novembre 1949, debutta nel fumetto
collaborando, tra l’altro, alle serie di "Tarzan", "Silvestro" e "Diabolik". Dopo la laurea, si dedica completamente ai comics e realizza testi per "Il Piccolo Ranger", e le storie "Terra maledetta" e "Wyatt Doyle", pubblicate sulla "Collana Rodeo". "Tiki", la sua prima serie in tandem con il disegnatore Ivo Milazzo, è del 1976, seguita, nel
1977, da Ken Parker, il suo personaggio di maggior successo, esportato in tredici Paesi nel mondo. Dello stesso anno è "Welcome to Springville", a cui partecipa anche il disegnatore Renzo Calegari. Seguono poi "L’Uomo delle Filippine" e il detective Marvin. Nel 1986 sceneggia alcuni episodi di "Sherlock Holmes", illustrati da Giorgio Trevisan. Quindi scrive "Oklahoma!", una storia fuori-serie di Tex, un episodio di Nick Raider (il numero 18: "Mosaico per un delitto") e i racconti brevi raccolti in "Fantasticheria" e "Luci e ombre". Dopo aver dato l’avvio a "Tom’s Bar" e a "Giuli Bai & Co.", nel 1989, è tra i fondatori della Parker Editore che, oltre a ristampare i vecchi episodi del personaggio, ne produce di nuovi per "Ken Parker Magazine". La stessa formula viene continuata dalla Sergio Bonelli Editore fino al 1996; dopodiché la serie torna al formato «bonelliano», con cadenza semestrale, e chiude nel gennaio 1998. Dall’ottobre dello stesso anno, Berardi - che vediamo sopra, in un ritratto di Milazzo - è autore e curatore di Julia, un nuovo mensile della Sergio Bonelli Editore. Tra i numerosissimi riconoscimenti assegnatigli, ricordiamo il Premio Oesterheld, il Premio Internacional Barcelona de Comics, l’Haxtur e lo Yellow Kid.       
GIANCARLO BERARDI, nato a Genova il 15 novembre 1949, debutta nel fumetto collaborando, tra l’altro, alle serie di "Tarzan", "Silvestro" e "Diabolik". Dopo la laurea, si dedica completamente ai comics e realizza testi per "Il Piccolo Ranger", e le storie "Terra maledetta" e "Wyatt Doyle", pubblicate sulla "Collana Rodeo". "Tiki", la sua prima serie in tandem con il disegnatore Ivo Milazzo, è del 1976, seguita, nel 1977, da Ken Parker, il suo personaggio di maggior successo, esportato in tredici Paesi nel mondo. Dello stesso anno è "Welcome to Springville", a cui partecipa anche il disegnatore Renzo Calegari. Seguono poi "L’Uomo delle Filippine" e il detective Marvin. Nel 1986 sceneggia alcuni episodi di "Sherlock Holmes", illustrati da Giorgio Trevisan. Quindi scrive "Oklahoma!", una storia fuori-serie di Tex, un episodio di Nick Raider (il numero 18: "Mosaico per un delitto") e i racconti brevi raccolti in "Fantasticheria" e "Luci e ombre". Dopo aver dato l’avvio a "Tom’s Bar" e a "Giuli Bai & Co.", nel 1989, è tra i fondatori della Parker Editore che, oltre a ristampare i vecchi episodi del personaggio, ne produce di nuovi per "Ken Parker Magazine". La stessa formula viene continuata dalla Sergio Bonelli Editore fino al 1996; dopodiché la serie torna al formato «bonelliano», con cadenza semestrale, e chiude nel gennaio 1998. Dall’ottobre dello stesso anno, Berardi - che vediamo sopra, in un ritratto di Milazzo - è autore e curatore di Julia, un nuovo mensile della Sergio Bonelli Editore. Tra i numerosissimi riconoscimenti assegnatigli, ricordiamo il Premio Oesterheld, il Premio Internacional Barcelona de Comics, l’Haxtur e lo Yellow Kid.