Edicola

Agenzia Alfa n. 38 - Agenzia Alfa 38 cover
 
Speciale Dampyr n° 12 cover
 
Il segreto di Juliet - Morgan Lost 13 cover
 
Il viandante - Nathan Never 305 cover
 

Arretrati

Ultimo scontro a Bannock - Tex Nuova Ristampa 409 cover
 
Killer Clown - Morgan Lost 12 cover
 
L'ultima diligenza - Tutto Tex 546 cover
 
Raccolta Julia n°79
 

Frequently Asked Questions

Demian FAQ

Demian FAQ

Risponde Pasquale Ruju

Tutto quello che c'è da sapere su Demian

QUALI SONO LE PRINCIPALI FONTI D'ISPIRAZIONE DELLA SERIE?
L'ambientazione marsigliese viene sicuramente dalla mia passione per i romanzi di Jean-Claude Izzo, autore di "Casino totale", "Chourmo. Il cuore di Marsiglia" e "Solea", una trilogia che vede all'opera Fabio Montale, un poliziotto atipico immerso in storie di malavita che hanno proprio la sua città, Marsiglia, come autentica protagonista. Attraverso le pagine di Izzo si respira l'aria del capolouogo provenzale e un'atmosfera malinconica che non manca di affascinare il lettore.  Mi sento debitore anche nei confronti di Jean-Patrick Manchette (autore, tra gli altri, di "Un mucchio di cadaveri" e del recente "Pazza da uccidere"), di classici del giallo come "Grisbi" di Albert Simonin e "Rififi" di Auguste Le Breton, per non dimenticare il bellissimo "Duri a Marsiglia" di Gian Carlo Fusco.

E NEL MONDO DEL CINEMA? QUALI SONO I REGISTI CHE HANNO INFLUENZATO IL TUO MODO DI RACCONTARE?

Amo il cinema e cerco di "rubare" i segreti di alcuni registi che hanno raccontato per immagini grandi storie "noir", ma non solo: François Truffaut, ad esempio, autore dell'inquietante "La sposa in nero" ma anche e soprattutto di film che si concentrano sul rapporto tra uomo e donna come "Jules e Jim" o "La signora della porta accanto"; Luc Besson e il suo "Leon", violento e romantico al tempo stesso; John Frankenheimer e Michael Mann, autori di "noir" moderni come, rispettivamente, "Ronin" e "Collateral". Mi piace il montaggio serrato dei film di Tony Scott. Tutti questi potrebbero essere i registi ideali per un ipotetico (ma non si sa mai…) film su Demian.

COME TI SEI TROVATO A LAVORARE SU UNA MINI-SERIE, UNA FORMULA EDITORIALE CHE NON ERA ANCORA STATA INAUGURATA ALLA SERGIO BONELLI EDITORE NEL MOMENTO IN CUI È INIZIATA LA PRODUZIONE DI DEMIAN?
A mio parere una mini-serie dà al suo autore l’occasione di lavorare all’interno di una struttura chiusa, con una continuità tra le storie molto stretta. Ciò permette di tenere la narrazione dell'intera vicenda sotto controllo e di darle, forse, un'impronta più personale rispetto a collane di ampio respiro tra le cui pagine si alternano, quasi obbligatoriamente, diversi sceneggiatori.

DA DOVE NASCE IL NOME DEMIAN E COME È STATO SCELTO?
Non è stato facile trovare il nome al personaggio. Cercavo qualcosa di evocativo, adatto all'immagine che avevo in mente e alla rappresentazione su carta che ne aveva dato Alessandro Poli. Non doveva essere un nome anglosassone e, ovviamente, andavano evitate somiglianze con quelli di altri protagonisti di fumetti già pubblicati. Per arrivare al nome giusto ho fatto ricerche su Internet, sfogliato romanzi, elenchi telefonici francesi e persino un "libro dei nomi" bretoni. E Demian è proprio un nome bretone, l'equivalente del nostro Damiano. Mi è sembrato perfetto! Una volta scelto, ho scoperto che "Demian" è anche il titolo di uno splendido romanzo breve di Hermann Hesse che però è di genere completamente diverso da quello della nostra serie.

IL VOLTO DI DEMIAN  SI ISPIRA A QUELLO DI QUALCHE ATTORE?

Inizialmente, con Alessandro Poli, abbiamo cominciato a definire l'aspetto di Demian avendo come riferimento l'affascinante attore Vincent Perez (molto popolare in Francia, meno noto da noi) che ha recitato in pellicole come "Cyrano de Bergerac", "Al di là delle nuvole", "Il Corvo 2", "Il Tulipano d'Oro". Pian piano, però, Demian si è distaccato dal suo modello. I lineamenti sono cambiati, i capelli, la statura, la corporatura, il taglio degli occhi sono diventati originali, unici, sotto la matita ispirata di Alessandro. Ora, nella versione definitiva, potremmo dire che Demian assomiglia solo a se stesso. Questo sembra, tra l’altro, aver facilitato il lavoro dei disegnatori. Tutti, infatti, hanno “azzeccato” la fisionomia del nostro eroe praticamente al primo colpo. E poi ognuno di loro l’ha fatta propria, arricchendola di espressività e personalità in un modo che mi ha lasciato sorpreso e soddisfatto.