Edicola

Agenzia Alfa n. 38 - Agenzia Alfa 38 cover
 
Speciale Dampyr n° 12 cover
 
Il segreto di Juliet - Morgan Lost 13 cover
 
Il viandante - Nathan Never 305 cover
 

Arretrati

Ultimo scontro a Bannock - Tex Nuova Ristampa 409 cover
 
L'ultima diligenza - Tutto Tex 546 cover
 
Raccolta Julia n°79
 
Killer Clown - Morgan Lost 12 cover
 

Frequently Asked Questions

Brad Barron FAQ

Brad Barron FAQ

Risponde Tito Faraci

Tutto quello che c'è da sapere su Brad Barron
LA SERIE È AMBIENTATA NEGLI ANNI CINQUANTA DEL SECOLO SCORSO: DA COSA NASCE QUESTA SCELTA?
A mio parere, gli Stati Uniti degli anni Cinquanta sono come un enorme territorio che ormai appartiene all'immaginario comune. Costituiscono un ambiente famigliare a tutti che è stato  mitizzato e celebrato attraverso i film dell'epoca (soprattutto di fantascienza) diventati di culto; questo mito è stato ulteriormente alimentato dalle successive produzioni letterarie e televisive. Per certi versi, vedo l'immaginario degli anni Cinquanta paragonabile a quello che è stato l'immaginario dell'epopea western della Frontiera. Entrambi i periodi storici sono ricchi di grandi scoperte, di importanti conquiste ma anche di forti contrasti: epoche che costituiscono terreni fertili ideali per far crescere gli eroi.

COME MAI HAI PREFERITO SVILUPPARE UNA MINI-SERIE INVECE DI UNA PIÙ TRADIZIONALE SERIE A CONTINUAZIONE?
Brad Barron è nata nella mia mente come una serie con un ben preciso inizio, uno sviluppo e una fine. Per come l'ho concepita, nonostante racchiuda in sé diversi generi narrativi, questa mini-serie gode di una coerenza narrativa molto forte. Credo che i lettori, man mano che seguiranno le avventure di Brad, si accorgeranno che una delle forze di questo progetto risiede proprio nella sua formula chiusa.

COME SCENEGGIATORE PENSI CI SIANO DELLE DIFFERENZE TRA LAVORARE SU UNA MINI-SERIE RISPETTO AD UNA COLLANA REGOLARE?
In questa occasione, i vantaggi per me, come sceneggiatore, sono numerosi. Per esempio, mi posso permettere di non diluire eccessivamente i colpi di scena: metaforicamente possiamo dire che posso scoccare subito, nel giro di un anno e mezzo di pubblicazione, tutte le frecce che ritengo di avere al mio arco. Ovviamente, spero di centrare il bersaglio e di riuscire a colpire gli appassionati di fumetti e di avventura in genere.
Un altro vantaggio è quello di non essere obbligati a ristabilire, alla fine di ogni episodio, lo “status quo”. In Brad Barron mancherà, per il lettore, una volta chiuso l'albo del mese, la sensazione rassicurante che, conclusasi l'avventura, tutto tornerà come prima. La serie, descrivendo una situazione drammatica ed estrema, sarà pervasa da una certa aura di incertezza sul destino dei personaggi. Un'aura che spero riuscirà a tenere i lettori incollati all'albo di mese in mese.

DI QUESTA INCERTEZZA SARÀ COSCIENTE ANCHE BRAD?
Beh, Brad sarà spesso in pericolo, ovviamente. Così come lo saranno tutte le persone che incontrerà o che lo affiancheranno nel corso delle avventure. Le certezze di Brad sono state spazzate via il giorno dell'invasione: ora deve ricominciare da capo. Sarà un personaggio in evoluzione e sarà capace di cambiare il suo punto di vista (sullo stato in cui si trova la Terra, sulla gente che la popola, sui Morb, sul futuro del proprio mondo) con il mutare della situazione. Dovrà imparare ad adattarsi, anche mentalmente, se vorrà sopravvivere!

NELL'ASPETTO FISICO DI BRAD BARRON SEMBREREBBE RISALTARE UNA CERTA SOMIGLIANZA CON L'ATTORE GEORGE CLOONEY. CI PUOI RACCONTARE COME SI È ARRIVATI ALLA DEFINIZIONE DI QUESTA CARATTERIZZAZIONE DEL PERSONAGGIO?
Effettivamente, in origine siamo partiti da una foto di Clooney, tratta da una scena di "Dal tramonto all'alba", il film di Robert Rodriguez che vedeva l'attore duettare con Quentin Tarantino in furiosi scontri a fuoco con sanguinari vampiri. In quella foto, Clooney aveva un espressione decisa, da "duro" vecchio stampo, che mi piaceva molto.   L'ho indicata come punto di partenza a Fabio Celoni, l'attuale copertinista di Brad Barron, che si è occupato della definizione grafica del personaggio. Quello specifico fotogramma è stato l'unico preciso riferimento sul quale abbia lavorato Fabio. Con il tempo, Brad ha cominciato ad avere caratteristiche più personali. Ha sicuramente un fisico più possente rispetto al modello di origine, ha acquisito la cicatrice sul volto e, quel che più mi piace, è che ora trovo persino che sia debitore di qualcosa nei confronti di Mister No…