Notizie Flash

Archivio Flash

Edicola

Agenzia Alfa n. 38 - Agenzia Alfa 38 cover
 
Speciale Dampyr n° 12 cover
 
Il segreto di Juliet - Morgan Lost 13 cover
 
Il viandante - Nathan Never 305 cover
 

Lilith

Ucronia - 4a puntata

Evidenze del passaggio di Lilith nella Storia dell’umanità - Parte 4

UCRONIA, dal greco ou-chronos – “nessun tempo” – indica la narrazione letteraria, grafica o cinematografica di quel che sarebbe potuto succedere se un certo avvenimento fosse andato diversamente. Le azioni che Lilith compie, nella sua corsa su è giù per lo spazio tempo, provocano inevitabilmente delle variazioni nel corso della Storia come noi la conosciamo. Questi cambiamenti possono essere minimi, impercettibili oppure macroscopici ed epocali e questo indipendentemente dalla volontà dalla protagonista. Essi possono limitarsi a venir raccontati in un articolo su un giornale o a essere citati negli annali; oppure possono entrare nel mito, ispirare le arti dei posteri e influenzare il destino di interi popoli. In questa rubrica vi presento le prove che evidenziano il passaggio di Lilith nella Storia dell’umanità, elementi che potranno aiutare il lettore a capire la natura di tali cambiamenti, comprenderne le cause e individuarne le conseguenze nel mondo futuro.

Luca Enoch

L’evento più significativo nella carriera da guerrigliero di William Clarke Quantrill (31 luglio 1837 – 21 agosto 1863) avvenne nel giorno esatto della sua morte. Lawrence era da anni il bastione delle forze antischiaviste del Kansas e anche la base operative per le incursioni in Missouri da parte dei jayhawker e delle forze favorevoli all’Unione. Era inoltre la casa del senatore James H.Lane, malfamato in Missouri per la sua ferma posizione contro la schiavitù e per essere un leader degli jayhawker, a capo dei quali, nel settembre del 1861, aveva saccheggiato e bruciato la città di Osceola. Questi razziatori avevano saccheggiato il Missouri per anni prima dello scoppio della guerra e Lawrence, il centro delle operazioni, era considerata il magazzino dove erano accumulati tutti i beni sottratti in quegli anni.

All’alba del 21 agosto, Quantrill discese dal Monte Oread a attaccò Lawrence a capo di una forza combinata di circa 450 guerriglieri, raccolti durante la marcia a tappe forzate dal Missouri. Il senatore Lane, uno dei bersagli primari del raid, riuscì a fuggire ma i bushwacker, su ordine di Quantrill, uccisero centottantatre uomini e ragazzi “grandi abbastanza da impugnare un fucile”, trascinando molti di loro fuori dalle abitazioni e ammazzandoli davanti ai familiari. L’età delle vittime spaziò dai quattordici ai novanta anni. Quando gli uomini di Quantrill lasciarono la città, verso le nove di mattina, la maggior parte degli edifici del centro abitato stava bruciando. I razziatori saccheggiarono indiscriminatamente e svaligiarono la banca della città.

Durante il raid, Quantrill, il suo luogotenente George Todd e il leader di una banda alleata, William T. Anderson, furono uccisi. A questo proposito, le varie fonti storiche divergono: alcuni storici affermano che Quantrill venne ucciso da un’intrepida fanciulla di Lawrence, la quale, pur rimasta anonima, venne celebrata come eroina dagli abitanti della cittadina negli anni a venire. Altri storici identificano l’assassino del leader confederato in un membro del suo stesso gruppo, una giovane donna soprannominata “Benicia Boy”, dal soprannome del famoso pugile dell’epoca John C. Heenan, per la sua vigoria fisica e l’abilità nella lotta. I motivi del tradimento di questa guerrigliera sono misteriosi. Albert E. Castel, nella biografia “William Clarke Quantrill: his life and times”, sostiene che la ragazza, orfana di padre a causa delle incursioni delle famigerate Red Legs e appassionatamente votata alla causa del Sud, si fosse innamorata perdutamente del suo comandante; avendole egli anteposto l’attività militare, la giovane si sentì rifiutata e tradita e si vendicò colpendolo a tradimento, nel momento di massima confusione dell’assalto. Questa fonte storica trova riscontro nella testimonianza diretta di uno dei bushwacker, Alexander Franklin James, il quale, in un processo tenutosi dopo la fine della guerra, affermò di aver assistito all’assassinio del vice comandante di Quantrill, George Todd, per mano della stessa donna e di essere stato a sua volta da lei menomato di due dita della mano destra.

Nella gallery, potete ingrandire e leggere una copia della prima pagina dell’edizione originale del settimanale Harper’s Weekly del 5 settembre 1863, dedicato al massacro di Lawrence e alla morte del leader dei ribelli.