Notizie Flash

Archivio Flash

Edicola

Agenzia Alfa n. 38 - Agenzia Alfa 38 cover
 
Speciale Dampyr n° 12 cover
 
Il segreto di Juliet - Morgan Lost 13 cover
 
Il viandante - Nathan Never 305 cover
 

Anteprima Dampyr

Il mondo delle immagini

Mauro Boselli introduce i temi, i personaggi e gli ambienti di "Nella città dei morti", l'albo di Dampyr numero 168 che arriva in edicola il 5 marzo.

Una delle forze di Dampyr è la varietà dei temi da cui hanno origine le sue avventure.

Con il numero di marzo (scritto da Mauro Boselli e disegnato da Nicola Genzianella, NdR) faremo visita ad alcuni vecchi quartieri del Cairo, posti molto speciali come Moqattam, la cosiddetta “città dell’immondizia”, dove risiede la comunità, di cultura e religione copta, degli Zabaleen, che vivono riciclando i rifiuti; o come la “città dei morti” che dà il suo titolo all’albo, una labirintica necropoli di tombe e mausolei, molti dei quali incredibilmente abitati da famiglie povere!...


La bellissima Zafirah, disegno di Nicola Genzianella
(cliccate sull'immagine per ingrandirla)

E non ci limiteremo al Cairo attuale, perché visiteremo anche quello di epoca mamelucca, ai tempi del celebre sultano Qait-bay, sul finire del Quattrocento, entrando nella sua principesca cittadella fino a svelare per voi i reconditi segreti del suo harem e della sua favorita, Zafirah, una donna bellissima e intelligente dalla doppia natura...

Ma non è tutto. In questa storia, che appartiene di diritto alla tematica magica e onirica della serie, compiremo infatti una bizzarra incursione nel mondo misterioso del misticismo sufi, esplorando l’Alam-al-Mithal, il mondo delle immagini e delle illusioni, e incontrando i mostruosi abitanti della malefica città di Jabarsa, tutti dotati di una doppia natura anche loro. Come Zafirah, che in realtà è la succuba Eisheth Zenumium. E come lo stesso Dampyr!

Ovviamente, noi vi daremo la versione avventurosa e fantastica del “mondo intermedio”. Chi volesse approfondirne il versante filosofico, mistico e religioso, non ha che da studiarsi il persiano antico e immergersi nella lettura delle opere del saggio e visionario Sohravardi, come, per esempio, “Il libro dei confronti”, “Storia dell’esilio occidentale”, “Il libro della saggezza orientale” e soprattutto “L’arcangelo imporporato” (tutti disponibili anche in traduzione francese).

Mauro Boselli