Notizie Flash

Archivio Flash

Edicola

Agenzia Alfa n. 38 - Agenzia Alfa 38 cover
 
Speciale Dampyr n° 12 cover
 
Il segreto di Juliet - Morgan Lost 13 cover
 
Il viandante - Nathan Never 305 cover
 

Leo Pulp

I segreti di Leo Pulp

La sua tariffa è di venticinque dollari al giorno più le spese.......

La sua tariffa è di venticinque dollari al giorno più le spese, la sua arma una Browning automatica, la sua auto una vecchia carretta che stenta a partire, la sua dote principale un dannato fiuto per gli intrighi misteriosi nella Hollywood degli anni Quaranta... Di chi stiamo parlando? Di Sam Spade, di Philip Marlowe, o comunque di uno dei malinconici, affascinanti investigatori privati che abbiamo imparato ad amare nei vecchi "noir" cinematografici americani e nei romanzi "hard-boiled" di Dashiell Hammett e Raymond Chandler? Sì... e no! Perché se è vero che Leo Pulp – così si chiama il nostro nuovo personaggio – vive esattamente nella stessa epoca in cui imperversavano i classici "duri" della narrativa poliziesca, è altrettanto innegabile che le sue avventure sono un distillato di puro divertimento. Certo, chi sceglie di affidare un caso particolarmente scottante a un tipo come Leo Pulp si trova davanti un detective che non ha niente da invidiare a Spade o a Marlowe: grintoso quanto loro, cinico quanto loro, romantico quanto loro (ma questo non lo ammetterebbe neanche sotto tortura), bastian contrario quanto loro, e infine (si direbbe oggi) politicamente scorretto quanto e più di loro. Da vero cane sciolto, Leo Pulp combatte da solo la sua battaglia... Eppure, nelle ingarbugliate, tesissime storie che lo vedono protagonista, i suoi autori, lo sceneggiatore Claudio Nizzi e il disegnatore Massimo Bonfatti, hanno voluto lasciare spazio soprattutto all'umorismo. Grazie all'ironia e al senso del ritmo narrativo di Nizzi (da vent'anni, lo sceneggiatore principale di Tex, oltre che il creatore del primo serial giallo bonelliano, Nick Raider), ben sostenuti dal tratto ultrarealistico e graffiante di Bonfatti (noto, come autore completo, ai lettori del divertentissimo "Cattivik"), Leo Pulp promette di accompagnare i lettori in uno scoppiettante universo fumettistico dai mille colori, fatto di brividi, colpi di scena e letali raffiche di piombo caldo, ma anche di sberle, gangster da strapazzo e pupattole da sballo. Insomma, nella Los Angeles che fa da sfondo a "La scomparsa di Amanda Cross", si può morire, sì... ma con un liberatorio sorriso sulle labbra!